Elimast

All posts tagged Elimast

Thanks to Egidio FERRIGHI for this image of the Eurocopter AS350B3 Ecureuil I-AMVS … currently operated by Airgreen on behalf of AIB Regione Sardegna. Alà dei Sardi (SS), August 2019.

L’Adamello, orgoglio della patria … consacrato vetta sacra.

Articolo tratto da “Il Giorno” di Milla PRANDELLI

Edolo (Brescia), 8 luglio 2018 – Una giornata che non sarà dimenticata e di certo resterà non solo nel cuore dei camuni, ma di tutti i bresciani e di coloro che in famiglia hanno avuto un militare. Da ieri l’Adamello, che con i suoi 3.539 metri è considerato la “montagna per antonomasia” del territorio, è stato consacrato a vetta sacra della Patria ed equiparato a luoghi insiti nel cuore degli italiani come il Fiume Piave e il Monte Grappa: simbolo dei caduti non solo della Prima Grande Guerra ma di tutti i conflitti. Lamanifestazione è stata voluta, pensata ed organizzata dall’associazione Impronta Camuna con il coordinamento della prefettura di Brescia e la collaborazione delle quattro Forze Armate Italiane, della Guardia di finanza e della polizia di Stato, oltre che di tanti volontari, tra cui il Gruppo Alpini e il Comune di Edolo.

A consacrare la vetta dell’Adamello, dopo l’alzabandiera effettuato da due alpini in armi, dalla medaglia d’argento al valor militare Stefano Ruaro e dal Soccorso Alpino della Guardia di Finanza, è stato padre Santo Marcianò,arcivescovo ordinario militare per l’Italia da un elicottero Ab205 dell’aviazione militare, che ha sorvolato la sommità del monte ove duramente si combatté durante la Guerra Bianca dove è stato steso un enorme Tricolore.

«È un momento fondamentale per l’Italia, gli italiani e per le nostre Forze armate che così ricordano e onorano tutti i loro caduti nelle guerre di ieri e di oggi con un pensiero al primo conflitto mondiale, servito a gettare le basi della nostro contemporaneità – ha commentato l’Ordinario militare per l’Italia Santo Marcianò – un plauso va a Impronta Camuna, che ha voluto questo momento sentito che ha portato tanti militari e civili in Valle Camonica». La cerimonia, toccante e significativa, si è svolta in due luoghi ma nello stesso momento: a Edolo, da cui i militari cento anni fa partivano per andare in prima linea a combattere e sulla sommità dell’Adamello. A fondo Valle si sono radunati numerose centinaia di soldati in armi, tra cui l’intera fanfara e un picchetto in armi della Brigata Julia delle Truppe Alpine, appartenenti alle associazioni combattentistiche e d’Arma, alle Unità Cinofile Italiane Soccorso, alla Protezione Civile, all’Ana e al corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa, e tanti appassionati.

Dopo l’alzabandiera, la Santa Messa e la benedizione è stato anche consegnato il premio Impronta Camuna alle Truppe Alpine rappresentate dal proprio vicecomandante Generale di Divisione Marcello Bellacicco, a sua eminenza il cardinale Giovanni Battista Re e all’associazione Nazionale Alpini. A concludere le iniziative ufficiali vi è stato il sorvolo del lago d’Iseo, della Valle Camonica e dell’Adamello da parte di tre Tornado in forza alla base dell’aeronautica Militare di Ghedi. In serata si è svolto un recital musicale dedicato al capitano Giovanni Sora organizzato nella base logistica dell’Esercito Italiano di Edolo.

Link originale: https://www.ilgiorno.it/brescia/cronaca/adamello-vetta-sacra-edolo-1.4023737