SAR

All posts tagged SAR

COMUNICATO STAMPA N. 39/2020 – ROMA, 01 Dicembre 2020

Il 30 novembre è atterrato il primo esemplare dell’elicottero HH139B destinato a completare ed a rafforzare la flotta di elicotteri del 15° Stormo e dei Centri/Gruppi SAR alle sue dipendenze.

L’elicottero è stato consegnato il 27 novembre, presso gli stabilimenti di Leonardo in Vergiate (VA), a seguito della positiva conclusione delle procedure di collaudo e accettazione condotte dal personale della Direzione Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità (DAAA), congiuntamente agli uomini del dipendente Ufficio Tecnico Territoriale di Milano (UTT) ed il supporto del Reparto Sperimentale Volo dell’Aeronautica Militare.

Gli HH139 versione “B” andranno a completare la flotta di elicotteri HH139A già in dotazione alla Forza Armata.

La consegna degli elicotteri terminerà nel 2021 e vedrà la consegna di 17 esemplari versione “B” ai Gruppi Volo di Cervia ed ai Centri S.A.R.  (Search and Rescue) dislocati sul territorio nazionale (80° Centro CSAR di Decimomannu a Cagliari, 82° Centro CSAR di Trapani, l’84° Centro CSAR di Gioia del Colle ed 85° Centro CSAR di Pratica di Mare).

La nuova versione HH139B presenta alcuni accorgimenti tecnici che permettono di migliorare la capacità operativa e ad aumentare pertanto la flessibilità d’impiego per rispondere alle emergenze ed alle esigenze di sicurezza.

In particolare la nuova versione è stata dotata di un doppio verricello che aumenta l’affidabilità del sistema e la sicurezza durante le operazioni di recupero e di unamission consolleche consente una migliore gestione degli apparati di bordo ai fini della ricerca di eventuali dispersi. Inoltre, il peso massimo al decollo è stato aumentato, da 6800kg a 7000kg, il che permette una maggiore capacità di carico ed infine è stata aggiornata con sistemi di ultima generazione l’avionica ed i sensori di bordo (come ad esempio il sistema AIS – Automatic Identification System – che consente una migliore interazione con i mezzi navali e l’OPLS – Obstacle Proximity LIDAR System – che favorisce l’identificazione e la separazione con gli ostacoli orografici.

Il 15° Stormo ha il compito di recuperare gli equipaggi in difficoltà in tempo di pace (SAR – Ricerca e soccorso) ed in tempo di crisi ed in operazioni fuori dai confini nazionali (C/SAR – Combat SAR), di supporto alle Operazioni Speciali nonché di concorrere in caso di gravi calamità ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi , il trasporto in bio-contenimento e, di recente, anche il supporto all’attività di antincendio boschivo. Il livello addestrativo degli equipaggi, le caratteristiche tecnologiche degli elicotteri in dotazione nonché l’impiego di apparecchiature e tecniche speciali, quali l’utilizzo di visori notturni, fanno spesso del 15° Stormo l’unica componente elicotteristica in grado di gestire con successo le situazioni di emergenza più complesse grazie, come ad esempio, alla capacità d’impiego di giorno, di notte e in condizioni meteo marginali. Ogni volta che un elicottero del 15° Stormo si alza in volo o sta salvando una vita umana, o si sta addestrando per farlo. Dalla sua costituzione ad oggi infatti, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato oltre 7200 persone in pericolo di vita.

OVERTDEFENCE .COMBy ED NASH – 23 September 2020.

The Austrian Ministry of Defense has announced that they are planning on ordering 18 Leonardo AW169M helicopters.

The cost of the procurement will be 300 million Euros and first delivery is expected mid-2022. A minimum service life of 30 years is expected.

The new helicopters will replace the Alouette III light liaison and transport helicopters currently in use. These have been in service since 1967 and will be retired at the end of 2023 due to age issues.

Defense Minister Klaudia Tanner announced the decision on Monday, saying that:

“With this helicopter we are buying a highly efficient and modern machine that not only serves the safety of our soldiers, but also the safety of the entire population. We are investing in the safety of Austria.”

The AW169M is certainly a more capable aircraft than it’s predecessor. The helicopter is much more powerful and therefore better suited for use in the mountains. Its modern avionics also make it possible to fly at night and in poor weather conditions.

Capable of carrying ten passengers, the Austrians intend to use the AW169Ms for a wide range of missions, not just transporting personnel and materials but also for extinguishing forest fires, aerial reconnaissance and mountain rescue.

Of the purchase, 12 will be based in Aigen/Ennstal primarily as emergency vehicles whilst the other six will be stationed as trainers in Langenlebarn.

The Austrian MoD state that they chose the Leonardo (formerly Augusta-Westland) design over the comparable Bell 429 and Airbus H-145 because that company offered better terms in cooperation in the areas of training, logistics and aircraft operation.

The Austrians also state that though the aircraft will not be armed they will require the new helicopters to be capable of mounting weapon stations that are able to be fitted within hours, should that be necessary. These could include the ability to use advanced missile systems, though the exact specification is still being discussed with the manufacturer.

Link to the original article online: https://www.overtdefense.com/2020/09/23/austrian-armed-forces-procuring-aw169m-to-replace-aging-alouette-helicopters/

PRESS RELEASE – 8 Settembre 2020.

Cerimonia di cambio Comando presso l’aeroporto di Cervia.

Nella mattinata di martedì 08 settembre è avvenuta, nel rispetto delle restrizioni imposte dall’emergenza COVID, una sobria e ristretta cerimonia di avvicendamento al vertice dell’83° Gruppo CSAR del 15° Stormo di Cervia.

Il Magg. Antonio B. lascia il comando dell’83° Gruppo  al Magg. Lorenzo B..

Il comandante uscente ha ricordato gli ottimi risultati raggiunti dal Gruppo negli ultimi due anni augurando, al proprio successore, di raggiungere mete sempre più alte e fronteggiare tutte le sfide sempre meglio.

Da parte sua il comandante subentrante, si è detto onorato di essere al comando dell’83° CSAR ricordando che oltre all’impegno imprescindibile dell’allarme SAR nazionale, anche in condizioni meteorologiche avverse, viene, oggi, richiesto di svolgere un importante ruolo nella Difesa Aerea Nazionale e di collaborare alla lotta contro gli incendi boschivi, implementando nel contempo l’impiego dei nuovi aeromobili HH-139Bravo.

La cerimonia si è conclusa con l’intervento del comandante del 15° Stormo Col. Diego Sismondini che ha ringraziato il comandante uscente per il lavoro svolto ed ha augurato al nuovo comandante di superare nel migliore dei modi le sfide che il futuro prossimo riserverà all’83° Gruppo SAR e a tutto il 15° Stormo.

Il 15° Stormo ha il compito di recuperare gli equipaggi in difficoltà in tempo di pace (SAR – Ricerca e soccorso) ed in tempo di crisi ed in operazioni fuori dai confini nazionali (C/SAR – Combat SAR), di supporto alle Operazioni Speciali nonché di concorrere in caso di gravi calamità ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi e, di recente anche il supporto all’attività di antincendio boschivo. Il livello addestrativo degli equipaggi, le caratteristiche tecnologiche degli elicotteri in dotazione nonché l’impiego di apparecchiature e tecniche speciali, quali l’utilizzo di visori notturni, fanno spesso del 15° Stormo l’unica componente elicotteristica in grado di gestire con successo le situazioni di emergenza più complesse grazie, come ad esempio, la capacità d’impiego di giorno, di notte e in condizioni meteo marginali. Ogni volta che un elicottero del 15° Stormo si alza in volo o sta salvando una vita umana, o si sta addestrando per farlo. Dalla sua costituzione ad oggi infatti, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato oltre 7200 persone in pericolo di vita.

GRIFONE 2019

Thanks to Oscar BERNARDI for his contribution in order to realize this Photo Report Page with full coverage of the helicopters present at GRIFONE 2019 International Search and Rescue Exercise. Foligno Airport (PG), 9-13 September 2019.

  • Contract for four AW139s with deliveries starting in Q3 2020
  • Miami-Dade County Mayor Carlos A. Gimenez said, “The safety of our Miami-Dade Fire Rescue operations team and the well-being of the residents we serve is our greatest priority. For those reasons, the crashworthiness standards of the top-ranked Leonardo helicopters were a key factor in our County’s decision to award this contract. In addition, the purchase price, training services and support we will receive during the transition to these world-class aircraft were also strong considerations”
  • Celebrating its 1000th delivery in September, the AW139 is the most successful global helicopter program in the last 15 years

PRESS RELEASE – Philadelphia, 2 December 2019

Leonardo announced that Miami-Dade Fire Rescue (MDFR) signed a contract for four AW139 intermediate twin engine helicopters.

The aircraft will be used to perform a range of missionsprimarily fire suppression, emergency medical services (EMS) and search and rescue (SAR)—and will have special equipment including a cargo hook, rescue hoist and Bambi bucket. The first helicopter is expected to be delivered from Leonardo’s Philadelphia facility in Q3 2020. A comprehensive 5-year support, maintenance and training package will be provided with the possibility of a further extension to a total of 15 years. “The safety of our Miami-Dade Fire Rescue operations team and the well-being of the residents we serve is our greatest priority. For those reasons, the crashworthiness standards of the topranked Leonardo helicopters were a key factor in our County’s decision to award this contract,” said Miami-Dade County Mayor Carlos A. Gimenez. “In addition, the purchase price, training services and support we will receive during the transition to these world-class aircraft were also strong considerations.” Located along the southeast tip of the Florida peninsula, Miami-Dade is the most populous county in the state. It encompasses more than 2,000 square miles with one-third of the county located in Everglades National Park. Because of the scope of its operations, Miami-Dade Air Rescue is frequently requested to provide mutual aid support to neighboring counties including Monroe, Collier, Broward and Lee. Celebrating its 1000th delivery in September, the AW139 is the most successful global helicopter program in the last 15 years.

With more than 280 operators in over 70 countries to date, the AW139 saves lives every day and guarantees safety in every corner of the world. In the United States, the AW139 counts as customers the Los Angeles Fire Department (LAFD), New Jersey and Maryland States Police Departments, among many others, while the US Air Force (USAF) will introduce the AW139-based Boeing MH-139 to replace the UH-1N fleet. The AW139 is widely used across many countries worldwide for firefighting, rescue and law enforcement duties including Italy, UK, Japan, South Korea and Australia, to name a few.

COMUNICATO STAMPA AERONAUTICA MILITARE

AERONAUTICA: AL VIA IN UMBRIA ESERCITAZIONE INTERNAZIONALE DI SOCCORSO AEREO “GRIFONE 2019”

Sull’aeroporto di Foligno, dal 9 al 13 settembre, opereranno 13 velivoli e 27 squadre di ricerca e soccorso a terra

Si svolgerà dal 09 al 13 settembre 2019, nella provincia di Perugia (Umbria), la dodicesima edizione dell’esercitazione “Grifone”, la principale attività addestrativa dell’Aeronautica Militare nel campo della ricerca e soccorso aereo, in collaborazione con il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS). All’edizione di quest’anno parteciperanno 13 velivoli e 27 squadre di ricerca e soccorso a terra appartenenti a Reparti di volo delle Forze Armate italiane, Corpi Armati dello Stato ed altri Enti ed Amministrazioni italiane e straniere che hanno aderito all’accordo internazionale SAR. Med. Occ. (Search And Rescue Mediterraneo Occidentale).

La “Grifone” è un’esercitazione internazionale, interforze ed interagenzia organizzata annualmente dall’Aeronautica Militare con l’obiettivo di proiettare la capacità di comando, controllo e coordinamento degli assetti impiegati, in prossimità del luogo in cui si è verificato un incidente aeronautico. In questo modo sarà possibile  mantenere sempre elevati gli standard nell’ambito delle attività di ricerca e soccorso sia diurne che notturne in ambiente montano ed impervio e verrà incrementata la conoscenza delle procedure comuni, sia in campo nazionale che internazionale, al fine di ottenere un impiego ottimale di tutte le forze disponibili.

Inoltre, quest’anno per il secondo anno, all’interno della “Grifone” prenderà parte l’esercitazione “Eleos”, incentrata sulla gestione post incidente aeronautico che vedrà interessato personale civile e militare dell’Aeronautica Militare, dell’Università degli Studi di Urbino, la Polizia di Stato e l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale delle Marche (ARPAM).  In questo ambito l’addestramento si concentrerà sulla ricerca e recupero di materiali appositamente predisposti, sulla prevenzione infortuni, sulla protezione ambientale, sulle attività della polizia giudiziaria e sulla gestione dello stress.

All’edizione di quest’anno che si svolgerà presso l’aeroporto civile di Foligno in collaborazione con l’Aeroclub Foligno, parteciperanno assetti e personale dell’Aeronautica Militare, dell’Esercito Italiano, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia di Stato, dei Vigili del Fuoco, del Corpo Ausiliario Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana, del CNSAS, della Protezione Civile e Servizio Sanitario di Urgenza ed Emergenza 118 della provincia di Perugia.

E’ inoltre prevista la presenza di un elicottero AS-555 Fennec dell’Armée de l’Air (Francia), di un AS332 spagnolo e di un AS332 della Luftwaffe svizzera, nonché la partecipazione di osservatori stranieri tra cui Austria, Bosnia, Portogallo, Emirati Arabi Uniti, Serbia.

SATER 02-19 … Esercitazione Interforze SAR / CNSAS.

Si é svolta il 18 giugno, tra la Riviera di Levante dell’Appennino Ligure ed il basso Appennino Emiliano, l’esercitazione SATER 02-19.
Si tratta di un’attività addestrativa che prevede simulazioni di Ricerca e Soccorso (S.A.R. Search and Rescue) in collaborazione con CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico) per affinare l’integrazione e l’operatività tra le diverse componenti chiamate a concorrere.

L’esercitazione, interforze ed inter dicasteriale, si inquadra in un programma addestrativo dell’Aeronautica Militare, volto a verificare le capacità di effettuare operazioni di soccorso aereo in caso di incidenti aerei in ambiente terrestre. La SATER 02-19 si differenzia dalle precedenti edizioni in quanto lo scenario previsto ha visto la ricerca di escursionisti infortunati, simulando inoltre il recupero di persone bloccate in zona ipogea (grotte) con intervento della squadra speleologica del CNSAS.

Il Comando Operazioni Aeree (COA) dell’Aeronautica Militare di Poggio Renatico (FE) ha coordinato le operazioni di ricerca che sono state svolte sia di giorno che di notte con gli speciali visori notturni NVG (Night Vision Goggles).

Per il coordinamento delle operazioni S.A.R. é stata costituita una postazione di comando e controllo, denominata PBA (Posto Base Avanzato) presso il Comando Base Aeromobili del Corpo delle Capitanerie di Porto di Sarzana (SP), che insieme alle altre articolazioni della Guardia Costiera garantisce un servizio di allarme continuativo per la ricerca e il soccorso in mare e in ambiente costiero.

Oltre all’Aeronautica Militare, che ha partecipato con un elicottero HH-139 del 15° Stormo 85° Centro CSAR di base a Pratica di Mare (RM), hanno preso parte all’esercitazione anche la Marina Militare con un elicottero del 1° o 5° Gruppo di Luni (SP), la Guardia Costiera con 1 AW139 della Base Aerea di Sarzana (SP), i Carabinieri con 1 A109 del 15° Nucleo Elicotteri di Albenga (SV), la Polizia di Stato con 1 AB212 del 9° Reparto Volo di Malpensa (MI) ed 1 velivolo P68 del 10° Reparto Volo di Venezia, la Guardia di Finanza con 1 AB412 della Sezione Aerea di Pisa ed 1 NH500 della Sezione Aerea di Genova, quest’ultima supportata a terra da una squadra del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza.

Il coordinamento dell’intera operazione di ricerca terrestre é stato affidato al Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (C.N.S.A.S.) della regione Liguria, che ha messo a disposizione le seguenti risorse per le ricerche a terra, 10 Unità Radiomobili per pianificazione e coordinamento, 10 Squadre composte da Tecnici, Personale Sanitario e Cinofili.

Il 15° Stormo dell’Aeronautica Militare garantisce, 24 ore su 24, 365 giorni l’anno, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà, concorrendo, inoltre, ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi, operando anche in condizioni meteorologiche marginali. Dalla sua costituzione ad oggi, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato più di 7300 persone in pericolo di vita o in condizioni di grave difficoltà.

Si ringrazie l’Aeronautica Militare, il 15 STORMO CERVIA e il 1°Luogotenente Daniele Ruffilli (Addetto Pubblica Informazione) per la disponibilità e cortesia.

Tutte le immagino sono state realizzate da Egidio FERRIGHI in collaborazione con www.dgualdo.it

PRESS RELEASE – 28 November 2018.

LEONARDO E SIAARTI INSIEME NEL SETTORE DELL’ELISOCCORSO. Partnership tra tecnologia e esperienza per un servizio più efficace, avanzato e sicuro.

  • Crescita delle capacità operative delle eliambulanze, maggiore efficacia dei servizi medici collegati all’elisoccorso e definizione di nuovi standard di formazione per i medici del settore gli obiettivi della collaborazione.
  • Leonardo è leader nella produzione di elicotteri di nuova generazione per i servizi medici di urgenza e ricerca e soccorso, con oltre 600 elicotteri in servizio in 50 Paesi.
  • SIAARTI presenterà lo stato dell’arte del complesso lavoro di stesura delle raccomandazioni e delle linee guida nel campo dell’elisoccorso nel corso del meeting internazionale REMOTE presso lo stabilimento Leonardo di Vergiate in data 1-2 dicembre.

Roma, 28 novembre 2018 – Leonardo e SIAARTI (Società Italiana Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva) annunciano il raggiungimento di un importante accordo di collaborazione non esclusiva nel campo dei servizi di elisoccorso.

L’Accordo ha come obiettivo la crescita delle capacità di missione delle eliambulanze e dell’efficacia dei servizi medici collegati al loro impiego attraverso, ad esempio, lo studio di nuove configurazioni interne dei futuri elicotteri, la definizione di nuove linee guida e standard per i medici e la loro formazione, sia in Italia che a livello internazionale. Sfruttare appieno le potenzialità dell’elisoccorso, generando benefici per i cittadini e ottimizzazione delle risorse, richiede infatti una focalizzazione sulla capacità dell’elicottero che deve essere in grado di volare di giorno e notte in tutte le condizioni meteo e in tutti gli ambienti, la valorizzazione del ruolo del personale medico, nella quasi totalità dei casi rappresentato da medici anestesisti rianimatori, e l’efficace interazione tra l’esperienza del medico e le tecnologie presenti a bordo. Nell’ambito della collaborazione SIAARTI contribuirà al miglioramento delle capacità delle eliambulanze in linea con l’evoluzione dei requisiti operativi e scientifici e all’analisi delle esigenze del personale medico e del sistema sanitario nazionale, fornendo anche supporto per l’addestramento. Leonardo metterà a fattor comune e a disposizione di SIAARTI capacità industriali e tecnologiche e la propria consolidata esperienza nel settore dell’elisoccorso a livello internazionale. L’accordo con SIAARTI si inserisce in un percorso di collaborazioni già in essere tra Leonardo e il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) e l’Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani Emergenza Ara Critica (AAROI-EMAC).


SIAARTI presenterà lo stato dell’arte del complesso lavoro di stesura delle raccomandazioni e delle nuove linee guida nel settore dell’elisoccorso nel corso del Congresso Internazionale REMOTE, da lei promosso, presso lo stabilimento Leonardo di Vergiate (Varese) in data 1-2 dicembre.

Leonardo sta inoltre valutando lo sviluppo di un centro di addestramento dedicato all’elisoccorso, impiegando il mock-up dell’eliambulanza AW169 basato a Bologna già utilizzato dalla Croce Rossa Italiana, che potrà beneficiare della consulenza scientifica di SIAARTI, agevolando al contempo la società scientifica nelle attività di formazione.  SIAARTI è una società scientifica, senza scopo di lucro, che conta oltre 7.000 soci e che ha come obiettivo la promozione scientifica e culturale in vari campi della medicina quali Anestesia e Medicina Perioperatoria, della Rianimazione e Terapia Intensiva, della Medicina Critica dell’Emergenza; della Medicina del Dolore e Cure Palliative, della Medicina Iperbarica e delle Cure Materno-Infantili. SIAARTI è quindi impegnata nella definizione di linee guida, standard e procedure finalizzate al costante miglioramento delle operazioni di elisoccorso (HEMS – Helicopter Emergency Medical Service) e dell’addestramento del personale addetto. In tal modo SIAARTI intende così rispondere alle disposizioni della Legge 24/2017 (“Legge Gelli”), la quale prevede che gli esercenti le professioni sanitarie, nell’esecuzione delle relative prestazioni, si attengano alle raccomandazioni previste dalle linee guida pubblicate dalle società scientifiche e dalle associazioni tecnico-scientifiche delle professioni sanitarie.

Leonardo è leader di mercato negli elicotteri di ultima generazione per applicazioni di elisoccorso, con oltre 600 unità operative in 50 Paesi. L’azienda ha avviato, negli ultimi anni, un percorso per il rafforzamento del suo ruolo nel settore delle emergenze anche grazie alla sottoscrizione di accordi con il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) e l’Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani Emergenza Ara Critica (AAROI-EMAC). Leonardo intende inoltre promuovere ulteriormente la ricerca sostenendo attività finalizzate alla raccolta di dati per nuove pubblicazioni scientifiche. I risultati derivanti da tali iniziative potranno essere utili alla validazione, al perfezionamento e all’implementazione delle linee guida nel campo dell’elisoccorso. L’elaborazione delle linee guida segue in particolare le indicazioni metodologiche (di tipo GRADE – Grading of Recommendations, Assessment, Development and Evaluation) fornite dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità. In base ad esse, tramite un’attenta valutazione delle evidenze scientifiche vengono fornite al personale sanitario delle raccomandazioni con differenti livelli di forza, tenendo conto anche, in modo integrato, di aspetti di carattere organizzativo, economico-finanziario e sociale.

Leonardo e l’elicottero dedicato ai compiti di salvataggio.

Il mercato mondiale dell’elisoccorso conta oggi circa 2400 elicotteri per missioni di elisoccorso (EMS – Emergency Medical Service). L’80% del mercato è oggi concentrato in Europa e Nord America. Leonardo vanta oggi una flotta di circa 370 eliambulanze operative in tutto il mondo alle quali si aggiungo oltre 300 elicotteri dedicati alla ricerca e soccorso in vari ambienti tra cui il mare e l’alta montagna. Il mercato dell’elisoccorso è cresciuto in modo significativo nell’ultimo decennio: le consegne di elicotteri civili impiegati per tale ruolo operativo da parte di tutta l’industria sono passate da una quota del 14% nel 2007 al 44% nel 2017. Secondo le previsioni, il mercato EMS è ancora in forte espansione e voleranno più di 3000 elicotteri entro i prossimi 10 anni. Il 40% della flotta mondiale sarà sostituita da macchine più moderne per far fronte alle obsolescenze. Le previsioni di crescita sono legate anche alla performance di nuovi mercati come la Cina e l’India e che stanno già dando segnali interessanti in tal senso. Leonardo ad esempio domina il mercato dell’elisoccorso in Cina con una quota del 70%. Con le eliambulanze fornite da Leonardo è stato infatti costituito il primo servizio integrato di elisoccorso che sarà in grado a breve di assicurare una vera e propria copertura nazionale in tutto il Paese asiatico.


La popolazione mondiale sta cambiando con un aumento di alcuni parametri dimensionali (altezza e peso). La rilevanza sociale e civile del soccorso nelle sue varie accezioni (eliambulanza, ricerca e soccorso in montagna e in mare, protezione civile e risposta a disastri) sta crescendo ed è sempre più diffusa, anche in mercati emergenti e in Paesi in via di sviluppo o con tassi di sviluppo particolarmente sostenuti così come nelle nuove potenze economiche. Cresce la domanda per volare e compiere la missione in ogni condizione meteo, ambientale e con disponibilità operativa molto elevata H24, 7 giorni su 7. Sempre più spesso gli standard certificativi civili (generalmente più stringenti di quelli militari) appaiono fondamentali anche per clienti governativi e militari chiamati ad offrire questo specifico servizio pubblico e quindi pronti ad adottare macchine ‘duali’ con certificazioni civili.


Gli elicotteri appartenenti alla categoria così detta leggera-intermedia (4-5 tonnellate, es. il modello AW169 di Leonardo) sostituiranno quindi progressivamente buona parte dei bimotore leggeri (del peso di 3 tonnellate) in risposta alla crescente domanda per maggior spazio in cabina, nuovi standard di sicurezza e disponibilità di equipaggiamenti dedicati alla missione, garantendo al contempo maggiori efficienze e contenimento dei costi grazie alla tecnologia di più recente concezione e un più ridotto impatto ambientale di tipo acustico e chimico.
Lo sviluppo e introduzione sul mercato in anni recenti della famiglia di elicotteri di nuova generazione di Leonardo (unico e primo caso al mondo) con i modelli AW169, AW139 e AW189 in classi di peso tra 4,5 e 9 tonnellate risponde già con significativi successi a questo scenario in evoluzione. Gli standard certificativi e di sicurezza più recenti, le avanzate capacità di missione ognitempo le ampie cabine permettono di rispondere efficacemente alle esigenze sopra descritte. La versatilità d’impiego permette di riconfigurare l’elicottero missione dopo missione. La condivisione di standard certificativi, approccio alla manutenzione e all’addestramento permette ad operatori di grandi flotte miste di raggiungere livelli di efficacia operativa ed efficienza gestionale senza precedenti. Il moderno elicottero EMS risponde alla necessità di trasformare l’eliambulanza da semplice mezzo di trasporto pazienti dal luogo dell’incidente all’ospedale (EMS primario) o per il trasferimento tra ospedali (EMS secondario) a vero e proprio ospedale volante per la stabilizzazione del paziente prima del raggiungimento della struttura d’intervento finale.


L’ottimizzazione delle capacità operative, dell’ergonomia e l’adozione di nuovi equipaggiamenti dedicati passa non solo per la ricerca e sviluppo ma anche attraverso la collaborazione con operatori e istituzionali nazionali e internazionali e l’addestramento alla missione di piloti e soccorritori (es. Soccorso Alpino, centro addestramento Sesto Calende e Croce Rossa Bologna). Questo contribuisce alla sensibilizzazione sulla necessità di individuare e definire standard di riferimento con le competenti autorità certificative e il supporto delle società scientifiche.


L’introduzione sul mercato nei prossimi due anni del convertiplano AW609, aeromobile in grado di combinare le prestazioni dell’aeroplano in termini di velocità/quota/raggio d’azione e la flessibilità dell’elicottero (decollo e atterraggio verticale, volo stazionario), apre nuovi scenari e nuove possibilità per i compiti di soccorso, riducendo i tempi di recupero e trasporto del paziente, permettendo di operare in condizioni e in ambientazioni inaccessibili per mezzi convenzionali, permettendo di collegare agevolmente e rapidamente una vera e propria rete di strutture a seconda del tipo di intervento e terapia. Anche la cabina pressurizzata dell’AW609 consente interventi di stabilizzazione del paziente senza precedenti per un aeromobile ad ala rotante

WEBSITE NEWS: APROC 2017 Photo Report Page was Published on date 13 July 2017. Thanks to the “2° Stormo – Rivolto” for the kindness of their staff and for the opportunity given to Luca GRANZINI in order to realize this complete photographical coverage of the vent help in Rivolto (UD), during the month of June 2017.